España se desmorona

Non voglio criticare altri Paesi né adagiarmi sul classico ‘io sto meglio perché il mio vicino sta peggio’, però, PERÒ c’è da dire che gli italiani secondo me soffrono di un chiarissimo caso dell’erba del vicino. Quella più verde, più fresca, più morbida, con meno cacche di cane, presente no?

Ecco.

Ora, io è un pezzo che non seguo le news dall’Italia perché ogni volta che leggo mi deprimo. Poi ultimamente ogni volta che apro il sito di una testata giornalistica c’è sempre il faccione di Renzi e non è il massimo.

Insomma, io non so come vadano le cose lì ma qui stanno rapidamente cadendo a pezzi. Nel giro di meno di una settimana, queste sono le notizie del tg nazionale:

– L’altro giorno c’è stata la finale della lega di basket, Real Madrid Vs. Maccabi (Tel Aviv). Hanno vinto per pochissimo gli israeliani, ed è subito partito un turbinio di tweets da parte di spagnoli molto poco sportivi che hanno mandato in TT nientemeno che l’hashtag #putosjudios (fottuti ebrei). Proprio così, con grande eleganza. E tra 20gg cominciano i mondiali, non oso immaginare.

Miguel Arias Cañete, candidato del PP (partito di destra) al Parlamento Europeo, ha creato uno scandalo degno dei migliori giorni del bunga bunga per aver candidamente dichiarato in un dibattito pubblico che “discutere con una donna è complicato perché mostrare superiorità intellettuale è da maschilisti“.

– Quel che è peggio, il primo ministro Mariano Rajoy non solo non si è scusato, ma ha rematado ribadendo che Arias Cañete è il migliore. Signorsì, il miglior candidato del PP. Figuriamoci come sono gli altri.

Isabel Carrasco, presidentessa del PP (sempre loro…) di Leon, è stata assassinata a colpi di pistola – in pieno giorno e in mezzo a una strada – da una coppia di donne, madre e figlia. Nel mezzo del processo, la madre ha dichiarato di non essere per nulla pentita e che se potesse la ucciderebbe altre 30.000 volte.

– Ovviamente il PSOE (la sinistra) non può certo non approfittare degli scandali del PP e decide che questo è il momento perfetto per sottolineare il maschilismo della destra e per lanciare il loro nuovo video contro la recente (e vergognosa) legge sull’aborto e contro il PP.

– Perché sì, anche se non è notizia recente, in Spagna è stato ufficialmente bandito l’aborto. Questo, che era un Paese avanzatissimo quanto a diritti sociali, mille anni avanti all’Italia, è regredito in un balzo di 30 anni. La malformazione fetali, le malattie genetiche, nulla è più accettato come motivo d’aborto. In effetti, l’aborto viene del tutto cancellato salvo che in 2 casi: stupro (entro 12 settimane, manco il tempo di rendersi conto di essere incinte) e rischio di morte della futura madre (22 settimane).

Adiós, España.
Annunci

Un commento

  1. Io adoro lo standard anglosassone.
    Credo di avere un problema con i paese “calienti”… non ci vivrei mai, anzi… piu’. 🙂 Ma si vedra’!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: