Archivi tag: foto

Dublino col sole

Il primo mese è stato davvero una merda. I primi mesi lo sono quasi sempre, di solito, è l’instabilità. Mi sono lasciata sovrastare e investire da un’onda di 50 metri. Ci ho messo quasi un mese per ricominciare a nuotare e risalire, ma ormai sono a galla e non mi affonda più nessuno. Con Malaga era […]

ROMA, overview

[Lo so che questo è un blog su Malaga e sull’Andalusia e che Roma non c’entra niente, MA è pur sempre il mio blog. Ed è stata la mia prima volta nella capitale. E devo raccontarlo, perché questa città mi esplode dentro.] Roma è stata un pugno in un occhio. Arrivo a Termini, vengo raccattata da […]

SEVILLA, mi arma.

Ovvero LA CALATA DEI SICILIANI. Degli amici messinesi sono venuti in visita, ed essendo già stati a Málaga abbiamo deciso tutti di farci un paio di giorni a Siviglia, la celeberrima capitale andalusa. Erano 4 anni che non tornavo: mi sono perdutamente re-innamorata di lei. Siviglia è addirittura più bella di come me la ricordavo, […]

Del guidare tra le colline di Jaén.

Le colline tra Cazorla e Granada, viste dietro un vetro molto sporco. Sarà che in fondo sono una romantica, ma mi sono accorta di avere solo foto delle colline al tramonto, quando diventano d’oro. (La squadratura delle foto si deve ad Instagram)

2014 e intrusioni

WordPress anche a me ha mandato il famosissimo annual report, svegliandomi di colpo dal torpore navideño e ricordandomi che l’anno mi sta scorrendo via tra una birra e un pasticcino. Non ho neanche voglia di scriverlo, questo post, ma mi sto obbligando perché ogni tanto spulcio vecchi post e tiro le somme dei vari periodi […]

Dei venti andalusi e delle costruzioni abusive

Oggi Málaga si è svegliata sotto uno spessissimo strato di nubi bianche come ovatta, una coltre pesante e opprimente. Soffocano tutto, queste nuvole del color della neve, e danno l’impressione che il sole non sia mai sorto. È strano svegliarsi senza sole a queste latitudini perché per quante nuvole ci possano essere, in genere c’è […]

Otoño en Cazorla.

Suolo calcareo, pietrificato, granai di fango e paglia diroccati, campi coperti di stoppie sbiadite, cime frastagliate di montagne in lotananza, ore in cui non incontri praticamente nessuno, quando ti fermi senti ronzare il silenzio. Ma non osare parlare di monotonia perché in uno stesso giorno vedi strisce di oro puro che si estendono fino all’orizzonte […]